Innamorati dell’Umbria un passo dopo l’altro: i sentieri di trekking da non perdere

  • Autore: lilli silvana
  • 24 nov, 2017
paesaggio umbro con castello medievale immerso nel verde

Basta guardare qualche fotografia dei paesaggi umbri per capire come mai questa regione è soprannominata “cuore verde dell’Italia”. Incastonata al centro della nostra penisola, l’Umbria è un luogo magico dove la natura più autentica incontra l’arte e la storia più antica. Una combinazione che affascina da secoli pellegrini e viaggiatori di ogni tipo e, ci scommettiamo, affascinerà anche voi. Uno dei modi migliori per scoprire e conoscere a fondo questa regione, è sicuramente il trekking. Tantissimi gli itinerari a disposizione, di ogni livello e difficoltà: non vi resta che sceglierne uno e mettervi in cammino.

Immergiti nella storia attraversando la Via Francigena

Forse i più appassionati di storia già lo sanno, ma nel Medioevo, moltissimi pellegrini attraversavano l’Europa per recarsi in preghiera a Roma. Questi pellegrinaggi divennero nel tempo così importanti che nacquero delle vere e proprie “vie della fede” dove si potevano trovare luoghi di sosta dedicati a ospitare i pellegrini. Tra queste, la Via Francigena è ancora oggi una delle più importanti: un percorso da fare almeno una volta nella vita! Vi troverete a ripercorrere la stessa strada dell’abate inglese Sigerico, il primo in assoluto a tracciare questo percorso. Nominato vescovo di Canterbury nel 990 d.C. da Papa Giovanni XV, si recò a Roma a piedi per ricevere l’investitura. Il diario che compilò con tutte le tappe del suo viaggio divenne un punto di riferimento per molti pellegrini che volevano recarsi nella Citta Santa. Qualunque sia la vostra età o il vostro livello di preparazione, non vi preoccupate: la parte di Via Francigena che attraversa l’Umbria è caratterizzata da percorsi adatti a tutti, senza difficoltà particolari. Non vi resta che indossare zaino e scarpe comode, e mettervi in cammino: vi immergerete in un passato ricco di storia e scoprirete la natura selvaggia di una delle più affascinanti regioni italiane.

Il Sentiero degli Ulivi: un paesaggio incantevole

Molto più recente è invece il Sentiero degli Ulivi, ideato da alcuni soci della sezione di Spoleto del CAI, che è nato con l’intento di far conoscere e valorizzare la fascia collinare della Valle Umbra dominata da questa pianta millenaria. Questo percorso collega Spoleto e Assisi per un totale di circa 75km, con quote che variano dai 500 ai 600 metri di altitudine. Se avete una minima preparazione di base, questo è il percorso che fa per voi: i lievi dislivelli lo rendono infatti semplice da percorrere in ogni stagione! Lungo il cammino, incontrerete diversi paesi che racchiudono tesori artistici di grande pregio, come Campello, Trevi, Foligno e Spello. Questa passeggiata vi regalerà scorci panoramici incantevoli e paesaggi maestosi punteggiati da filari di olivi. Il nostro consiglio è quello di effettuare il percorso da sud a nord, ovvero da Spoleto ad Assisi, per godere di un panorama più suggestivo.

Autore: lilli silvana 24 nov, 2017

Unica regione peninsulare a non essere bagnata dal mare, l’Umbria ha un territorio prevalentemente collinare che è particolarmente favorevole alla coltivazione di uva adatta alla vinificazione.  Qui, infatti, la tradizione vinicola affonda le sue radici in un passato antichissimo: furono addirittura gli Etruschi i primi ad avviarla e le tecniche di lavorazione e produzione del vino sono rimaste pressoché inalterate da allora. Un passato importante di cui andiamo ancora oggi molto fieri!

Da est a ovest, da nord a sud, tutta la regione è caratterizzata da un saliscendi di colli e pendii, disseminati di ordinati filari di vigneti. Un paesaggio da gustare con gli occhi!

Autore: lilli silvana 24 nov, 2017

Basta guardare qualche fotografia dei paesaggi umbri per capire come mai questa regione è soprannominata “cuore verde dell’Italia”. Incastonata al centro della nostra penisola, l’Umbria è un luogo magico dove la natura più autentica incontra l’arte e la storia più antica. Una combinazione che affascina da secoli pellegrini e viaggiatori di ogni tipo e, ci scommettiamo, affascinerà anche voi. Uno dei modi migliori per scoprire e conoscere a fondo questa regione, è sicuramente il trekking. Tantissimi gli itinerari a disposizione, di ogni livello e difficoltà: non vi resta che sceglierne uno e mettervi in cammino.

Autore: lilli silvana 24 nov, 2017

La fisionomia contorta e nodosa degli ulivi si staglia con fierezza sull'orizzonte della campagna umbra. Le loro fronde verde-argento sono da secoli e secoli parte integrante del paesaggio: scommettiamo che ne ve innamorerete al primo sguardo?

Sebbene tutta la regione sia segnata dalla presenza dell’olivo, l’area che va da Assisi a Spoleto ne è particolarmente ricca: per questo è stata denominata “Fascia Olivata”. Una zona preziosa non solo per le sue piante millenarie, ma anche per i tesori storici e artistici che custodisce: i trentacinque chilometri di olivi che compongono questa fascia attraversano infatti 6 diversi comuni: Spoleto, Trevi, Assisi, Spello, Foligno e Campello sul Clitunno. Spesso poco conosciuti, ma ricchi in realtà di sorprese architettoniche… e culinarie!

Protagonisti indiscussi del paesaggio umbro, gli olivi e l’olio che nasce da essi sono diventati ormai un vero e proprio patrimonio regionale che esportiamo con orgoglio a livello nazionale e non solo. Un tesoro tutto da scoprire: cosa aspettate a venire a trovarci?

Share by: